Blog

L’arrivo del bebè: «Aiuto! Chi lo dice al cane?» (3/3)

arrivo_bebe_fb3

Ed ecco infine l’ultima parte della gestione del cane con l’arrivo del bebè. Qui e qui trovate le precedenti puntate. Buona lettura!

VII. Il primo giorno a casa

Come fare quando è arrivato finalmente il giorno di tornare tutti a casa, dopo il naturale breve – o in taluni casi anche lungo – ricovero della madre e del bambino?
arrivo_bebe_8
Dal momento che il cane non ha avuto la possibilità di vedere la neomamma per qualche tempo, sarà sicuramente molto emozionato per il ricongiungimento. La prima cosa che dovrà fare la mamma è dedicare del tempo al fedele compagno. Potrà prendere il cane e condurlo fuori per una bella passeggiata o un parente o un amico potrebbe accoglierla, con il cane, già in strada. Così facendo al rientro in casa, il bimbo sarà già all’interno delle quattro mura domestiche. Nel caso in cui alla mamma non fosse possibile, a causa ad esempio di un parto cesareo, portare fuori il cane, una volta entrata in casa dovrà comunque dedicare del tempo al cane, mentre il papà si recherà in un’altra stanza o parte della casa con il bimbo.
Terminato questo momento di incontro, il cane avrà finalmente modo di conoscere il nuovo arrivato. Permettete al cane di annusare il bimbo evitando di sventolare il pupo davanti al suo naso o forzando i contatti tra i due. Siate naturali: tenete in braccio il vostro bimbo, sdraiatelo sul fasciatoio, mettetelo nella culla. Controllate la vostra euforia: i cani riescono a percepire i nostri stati d’animo e spesso vi si allineano.

VIII. Normalità fin da subito

Fin dal primo momento in cui oltrepasserete la porta di casa con il vostro bimbo, siate naturali. I cani percepiscono le nostre emozioni. Cercare di instaurare una rassicurante e prevedibile routine quotidiana faciliterà il cane a considerare la nuova situazione familiare come normale e pertanto non allarmante e facilmente gestibile da un punto di vista emotivo.
arrivo_bebe_9
Permettete al cane di assistere alle nuove abitudini di gestione: poppate, cambi di pannolini, cambi di vestitini, bagnetti.

IX. Un po’ di educazione non guasta

Aver insegnato in precedenza al vostro cane alcune buone maniere (attendere seduto con calma un vostro cenno prima di attraversare la strada, camminare al guinzaglio senza strattonarvi, non importunarvi durante i momenti dei pasti nella speranza di ottenere del cibo, e così via) tornerà utile per facilitare una serena convivenza e aiutarvi nella gestione quotidiana.
arrivo_bebe_10

X. Conclusioni

Crescere insieme ad un cane è sicuramente un’esperienza unica e fortemente arricchente per un bambino. Tuttavia non bisogna scordarsi mai che i nostri figli vanno guidati e accompagnati per instaurare una corretta relazione con l’animale di casa. Un bambino non dovrebbe mai essere lasciato solo con un cane perché fino a quando non avrà raggiunto un età che lo renda capace di gestire, controllare se stesso, comprendere il rispetto e la giusta modalità di relazione potrà rappresentare lui per primo un problema per il cane.
arrivo_bebe_11
Ci sono poi infine cani che per esperienze pregresse o per mancanza di esperienze non sono in grado di sostenere e sopportare la vicinanza di un bambino, in caso di problematiche già evidenti o il solo sospetto che ci possano essere problemi occorrerebbe rivolgersi ad un veterinario esperto di comportamento animale per avere una valutazione della situazione in particolare.

di Elena Borrione
(30/03/2015)

Condividi:
Pubblicato in Formazione

L’arrivo del bebè: «Aiuto! Chi lo dice al cane?» (2/3)

arrivo_bebe_fb2

Rieccoci nuovamente a trattare la gestione del cane e arrivo del bebè. La scorsa settimana avevamo analizzato i primi tre punti. Di seguito continueremo con altri tre punti. Buona lettura!

IV. Momenti di cura e attenzione dedicati

Nei mesi antecedenti l’arrivo in casa del bimbo è consigliabile incominciare a ritagliarsi dei momenti da dedicare in esclusiva al cane, che ovviamente andranno mantenuti anche dopo.
arrivo_bebe_5
Basteranno un quarto d’ora/20 minuti al giorno in cui dedicarsi a sezioni di gioco da fare insieme o, ad esempio, a momenti di coccole e manipolazioni dolci. L’importante è che qualunque cosa si decida di fare insieme al cane questa risulti gradita al cane stesso. Se il cane mal tollera la toeletta a cui lo sottoponiamo è inutile incaponirsi con la spazzola e innervosirsi perché sfugge da questo momento tutto per lui.

V. Cuccia come luogo sicuro

La cuccia è un luogo molto importante per il cane, che spesso i proprietari sottovalutano. La cuccia non rappresenta solo il luogo dove il cane può dormire, ma è anche il luogo dove può rintanarsi per riprendersi da situazioni per lui stressanti o particolarmente eccitanti. Rappresenta per il cane un luogo sicuro dove nulla di brutto gli può accadere.
arrivo_bebe_6
Il luogo in cui mettere la cuccia sarà un posto della casa tranquillo e appartato, lontano dal continuo passaggio di persone e lontano dai rumori che potrebbero provenire dall’ambiente esterno. Ricordate che il cane ha il diritto, se si trova nella sua cuccia, di non essere disturbato. Anche voi dovrete evitare di andare a disturbarlo e, nel caso vogliate coccolarlo o abbiate bisogno di avvicinarvi a lui proprio nel momento del suo riposo, ricordatevi sempre di annunciarvi prima di avvicinarvi o richiamarlo in modo tale che sia lui a venire da voi. Man mano che crescerà anche al bimbo verrà insegnato il rispetto di questa regola. Poiché la cuccia è un luogo sicuro e di riposo per il cane ricordatevi che essa non può essere mai utilizzata come punizione. Non potete mandare a cuccia il cane per metterlo in castigo come fareste con un bambino spedendolo nel suo letto. Potete invitarlo ad andarci per toglierlo da situazioni per lui fastidiose, ad esempio nel caso abbiate ospiti in casa e ci sia un po’ di frastuono.

VI. Odori del bambino

Un consiglio spesso dato è quello di portare a casa dall’ospedale tutine utilizzate dal bimbo nei primi giorni o i pannolini sporchi per dare modo al cane di venire a conoscenza degli odori del bambino e non trovarli così estranei da li a qualche giorno quando incontrerà il nuovo coinquilino.
arrivo_bebe_7
Di per sé questo consiglio è valido. È vero infatti che i neonati hanno odori caratteristici che possono incuriosire ed interessare non poco il cane di casa. È però un consiglio da seguire con cautela perché spesso mi è capitato che i proprietari lasciassero come dono la veste o il “pacco male odorante” al cane e questo lo eleggesse come gioco o lo scambiasse come giaciglio per dormirci sopra. Altri proprietari ancora hanno la tendenza a strofinarlo sul muso del cane o farlo odorare per poi nasconderlo subito stimolando nel cane la volontà di iniziare a giocare a “chi è più veloce ad acciuffarlo”.
Ricordate infine che gli odori del bambino rimangono anche sul genitore, i parenti e gli amici dopo che lo hanno tenuto in braccio, pertanto una volta rincasati permettete al cane di annusarvi e rendersi conto che qualcosa in voi è cambiato.

La prossima settimana proseguiremo con gli altri punti!

di Elena Borrione
(23/03/2015)

Condividi:
Pubblicato in Formazione

L’arrivo del bebè: «Aiuto! Chi lo dice al cane?» (1/3)

arrivo_bebe_0

Sezione 1/3. Al termine, a chi lo desidera, fornirò anche un pratico PDF scaricabile

La nascita di un bimbo è un evento meraviglioso ed è anche generalmente accompagnato dallo stravolgimento delle proprie abitudini di vita. Chi ha in casa un cane in questa occasione si trova a dover affrontare anche l’accettazione del piccolo da parte del familiare quadrupede. Spesso mi vengono richiesti consigli a riguardo. Tenendo conto che ogni situazione è singolare e andrebbe pertanto considerata nella sua unicità, si possono comunque tenere presenti alcuni aspetti per facilitare la buona accoglienza del bimbo in casa:

  1. Arredo e corredo
  2. Divisione dei compiti
  3. Orari regolari per pasti e uscite
  4. Momenti di cura e attenzione dedicati
  5. Cuccia come luogo sicuro
  6. Odori del bambino
  7. Il primo giorno a casa
  8. Normalità fin da subito
  9. Un po’ di educazione non guasta

In questo articolo ci soffermeremo sui primi 3 punti.


I. Arredo e corredo

L’arrivo di un bambino è preceduto dalla preparazione del cosìddetto “nido” che può essere la cameretta del bebè o semplicemente la riorganizzazione dei vari ambienti della casa.
arrivo_bebe_1Sia che si scelga di disporre culla, cassettiera e fasciatoio in un’unica stanza o di mettere la culla vicino al lettone dei genitori e il fasciatoio ad esempio in bagno , questi andrebbero preparati per tempo e sistemati in casa, disimballati e pronti all’uso. Superate quel rito scaramantico dell’acquistare tutto all’ultimo minuto un po’ perché “non si sa mai, metti che porti sfortuna” e un po’ perché si tende a volere le cose il più nuove possibile.

Questa è una prima modificazione dell’ambiente di cui il cane di casa si accorgerà senz’altro ma che, se fatta per tempo, sarà meno traumatica e non sarà associata a tutta la cascata di eventi conseguenti all’arrivo effettivo del bimbo. Stesso discorso ovviamente vale per il passeggino/culla che, acquistati per tempo, saranno lasciati a vista e non nascosti nel ripostiglio.

II. Divisione dei compiti

Dal momento che presumibilmente i primi mesi dopo la nascita del bimbo la mamma sarà la figura maggiormente impegnata nella cura e nell’accudimento del neonato, dovendo provvedere all’allattamento e restando il maggior numero di ore con lui durante la giornata (affermazione questa che non solleva i neo papà dallo svegliarsi nel cuore della notte per cullare il bimbo che non vuole più addormentarsi dopo la poppata o dai cambi di pannolini!), si dovrà provvedere per tempo al cambio di gestione del cane.
arrivo_bebe_3Il papà dovrà – se non è già così – farsi maggiormente carico delle uscite, dei pasti, dei momenti di svago del cane. Non che queste cose non sia permesso farle anche alla mamma! E’ però necessario abituare il cane che non è soltanto la figura femminile che si prende cura di lui. Ciò lo aiuterà a considerare non problematiche le diminuite attenzioni nei suoi confronti.
arrivo_bebe_2

III. Orari regolari per pasti e uscite

Sarà utile impostare le uscite e la somministrazione dei pasti in orari che potranno essere mantenuti nel futuro. Fin dove è possibile sarebbe meglio, per facilitarne la gestione del cane, approfittare dei momenti in cui entrambi i genitori sono a casa o di orari in cui la mamma può ricevere un aiuto esterno da parte di nonne/i, zie/i così da riuscire a intercambiarsi nelle incombenze quotidiane. Anche se nei primi mesi il bimbo ha maggior bisogno della figura della mamma, nel corso del tempo entrambi i proprietari potranno e dovranno tornare a occuparsi del cane.
arrivo_bebe_4


La prossima settimana proseguiremo con gli altri punti!

di Elena Borrione
(16/03/2015)

Condividi:
Pubblicato in Formazione
Pagina 8 di 13« Prima...678910...Ultima »

Seguimi
su Facebook

Altro dal Blog

Che l’attività fisica faccia bene è cosa risaputa. Tuttavia quando si parla dei [...]

Avete mai provato a disegnare sul pavimento del vostro salotto un cerchio? Fatel [...]

Uno degli aspetti più antipatici da gestire per un proprietario di gatti è rappr [...]

È tempo di vacanze e molti in questo periodo dell’anno mi scrivono per chiedermi [...]

Le problematiche di eliminazione da parte del gatto possono manifestarsi anche s [...]

Ed eccoci infine all’ultimo appuntamento. Proprio come recita il titolo di quest [...]

Parlando di giochi si possono vedere un po’ più da vicino alcuni aspetti che fan [...]