Gli esseri umani dimostrano il loro affetto attraverso l’abbraccio e questo gesto lo rivolgono a qualsiasi essere vivente. E’ dunque naturale per noi voler abbracciare anche i nostri amatissimi cani. Ma siamo proprio sicuri che a loro piaccia? Alcuni cani sono abituati ad essere abbracciati fin da cuccioli. Altri lo tollerano fino a quando, un giorno, decidono di ribellarsi al nostro gesto di affetto. Altri ancora dimostrano da subito la loro riluttanza, a volte anche con manifestazioni piuttosto dirette come i ringhi e i morsi.

Abbracciare è per noi esseri umani un istinto primordiale. I cani però non hanno questo tipo di associazione positiva. Per i cani, avere le zampe di altri conspecifici intorno al loro corpo o sulle spalle è considerato un comportamento minaccioso e intimidatorio. Quindi, per loro natura, non apprezzano questa forma di contatto.

Vedremo 4 segnali da valutare per verificare quanto ai nostri cani piaccia essere abbracciati.

1 #L’emissione di segnali calmanti

I cani possono manifestare la loro avversione a essere abbracciati utilizzando dei segnali del corpo anche piuttosto sottili e non semplici da cogliere ad un primo e superficiale sguardo. Un cane può esprimere il suo disagio, nell’essere abbracciato, ad esempio:
– leccandosi le labbra
– girando la testa
– guardando altrove
– sbadigliando
– oppure immobilizzandosi.

#2: Tentativi di allontanamento

Se un cane cerca di mettere una distanza tra noi e lui potrebbe non essere in quel momento propenso a ricevere un contatto così intenso. Provate a proporgli un altro approccio per metterlo a suo agio. Magari che preveda il semplice uso della vostra voce.

#3: Il ringhio

Se un proprietario continua ad abbracciare il suo cane nonostante questo abbia già comunicato il suo disagio oppure se il cane è in una condizione di estrema difficoltà potremmo dover ascoltare il suo disappunto attraverso il suo ringhio. Questo ringhio può essere solo un avviso, ma se ignorato potrebbe spingerlo verso una comunicazione molto più efficace!
Un consiglio: non sgridate il cane che vi ringhia. Cercate piuttosto di interpretarne il disagio.

#4: Il morso

In caso il proprietario ignorasse i ringhi emessi dal cane o peggio ancora li punisse la situazione potrebbe drammaticamente peggiorare e il nostro cane potrebbe decidere di passare alle vie di fatto e dare un morso. Alcuni cani estremamente in difficoltà di fronte alla possibilità di essere abbracciati potrebbero da subito optare per una risposta di attacco per scongiurare il pericolo. I cani che mordono senza preavviso sono spesso cani che sono stati rimproverati nel passato.

 

Imparare ad usare associazioni positive

E’ però possibile creare delle associazioni positive con gli abbracci. Alcuni cani possono imparare ad apprezzare gli abbracci associandoli a emozioni positive.
Questo tipo di approccio, che deve comunque essere graduale e sempre gentile ,è meglio farlo fin da quando i cani sono cuccioli. Sarà comunque bene non insistere troppo, neanche con un cucciolo, in caso non si dimostrasse amante dei nostri abbracci.

 

Qualche utile consiglio

Vediamo infine alcuni consigli per essere cauti.

  1. Non usate questo approccio su un cane che non conoscete bene o su un cane che ha già manifestato comportamenti aggressivi o di difesa dopo essere stato abbracciato. Piuttosto consultate un veterinario esperto in comportamento animale prima di rendere la situazione drammatica!
  2. Se un cane, che ha sempre apprezzato gli abbracci, all’improvviso manifesta un profondo disagio e fugge dal contatto potrebbero esserci alla base dei problemi clinici. In questo caso è meglio rivolgersi subito al proprio veterinario di fiducia.
  3. Non avvicinate mai il viso a un cane sconosciuto né cercate di abbracciarlo o baciarlo. Molti cani non amano le persone che invadono il loro spazio personale e possono sentire la necessità di difendersi.
  4. Ricordate infine che il nostro affetto possiamo manifestarlo in tanti altri modi.
di Elena Borrione
(03/04/2019)

Condividi con i tuoi amici: